Monte delle Vigne
Monte delle Vigne affonda le sue radici sulle prime colline a 300 metri di altezza, che dalla pianura padana portano alle vette più alte dell’ Appennino Tosco-Emiliano. L’antico percorso seguito dai pellegrini, fa da spartiacque tra i vigneti a bacca bianca di Malvasia e Sauvignon esposti a Est e quelli a bacca rossa di Barbera, Croatina e Lambrusco esposti a Ovest. Intervallate da siepi e da boschi alcune aree semi pianeggianti ospitano Merlot e Chardonnay. Al centro, nel cuore della proprietà, la nuova cantina ipogea che permette la pigiatura gravitazionale. Perfettamente inserita nell’ambiente circostante è stata progettata per ottenere il più alto risultato qualitativo da quanto la natura ci offre. La cantina, progettata per essere una perfetta sintesi di estetica architettonica e funzionalità produttiva, è dimensionata per accogliere tutte le uve prodotte e permetterne la trasformazione con modalità operative naturali e rispettose della materia prima. Ipogea a temperatura costante permette la pigiatura gravitazionale. Le piccole vasche in acciaio inox e le barriques in rovere francese accompagnano prima i mosti e poi i vini attraverso un lento processo evolutivo che li renderà unici ed emozionanti. L’impianto di imbottigliamento completamente automatico che apporta un tasso qualitativo fondamentale alla fase finale della lavorazione. È il luogo dove nulla è casuale, dove ogni azione ha un significato profondo e dove la qualità esecutiva di ogni gesto è fondamentale per l’ottenimento della grande qualità.
Nessun prodotto corrispondete alla selezione è stato trovato.