La Poja 2011 Allegrini

Cantina: Allegrini
Regione: Italia, Veneto
Uvaggio: 100% Corvina
Denominazione: Verona IGT
Annata: 2011
Capacità: 0,750 L
Gradazione: 14,5% vol.
Gambero Rosso
( 2008 )
Duemilavini AIS
( 2007 )
Veronelli
/
Luca Maroni
/
Espresso
/
69,00 € 84,00 €
-18%
Il vitigno simbolo della Valpolicella, la Corvina Veronese, ha origine sulla sommità di una collina: la Poja. Proprio dalla corvina in purezza ecco questo rosso che può invecchiare fino a 18 anni!
e assolutamente originale per la Valpolicella Classica; ne valorizza infatti il vitigno piu' rappresentativo, la cui origine viene leggendariamente ricondotta proprio a questo colle.
L'intuizione del monovitigno e per intero di Giovanni Allegrini.


Caratteristiche:
Vino rosso rubino compatto e profondo. L'aroma intenso e imponente, con note di erbe amare, ciliegia, caffè, cacao e vaniglia. IL gusto sapido, morbido, con tannini levigati e un finale fresco e fruttato.

Vinificazione:
A temperatura controllata in acciaio Inox

Affinamento:
20 mesi in barrique di Allier nuove. Questo vino migliora se lasciato qualche anno in cantina.
Maggiori Informazioni
Cantina Allegrini
Paese Italia
Regione Veneto
Tipologia Vino Rosso
Denominazione Verona IGT
Annata 2011
Uvaggio Percentuale 100% Corvina
Uvaggio Corvina
Volume 0,750 L
Gradazione 14,5% vol.
Guida 2000 vini AIS 5g
Anno valutazione AIS 2007
Guida Gambero rosso 2r
Anno valutazione Gambero 2008
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:La Poja
Il tuo voto
L'azienda Allegrini può considerarsi il risultato dell'intelligenza e dell'operosità di Giovanni Allegrini, uomo semplice e spontaneo che diede vita a un'impresa agricola solida, efficiente ed innovativa. Iniziò la sua attività giovanissimo e perfezionò l'arte della vinificazione dimostrando grandi capacità e una coinvolgente passione.
La famiglia Allegrini è protagonista della storia di Fumane e della Valpolicella fin dal XVI secolo e, da allora, tramanda la cultura della vite e del vino. Documenti notarili attestano che essa ricopriva un ruolo preminente nella comunità locale e la annoverano tra le famiglie di proprietari terrieri più importanti, da sempre legata al lavoro agricolo ed alla valorizzazione della tradizione contadina.Con immagine suggestiva, venne definito "il ragno delle botti": nella sua cantina infatti, faceva assaggiare con orgoglio i vini e, ascoltando giudizi ed impressioni, saltava come un ragno dall'una all'altra delle preziosi botti. Lo stile di vita, la storia e la cultura di Giovanni sono ancora oggi la chiave per comprendere la filosofia e le ragioni del successo dell'Azienda Allegrini. Dopo la sua scomparsa, nel 1983, sono i figli a occuparsi dell'azienda.