Carmenere Progetto Recupero 2015 Conte Emo Capodilista La Montecchia

Regione: Italia, Veneto
Uvaggio: 100% Carmenere
Denominazione: Veneto IGT
Annata: 2015
Capacità: 0,750 L
Gradazione: 13% vol.
Gambero Rosso
/
Duemilavini AIS
/
Veronelli
/
Luca Maroni
/
Espresso
/
14,50 €

Recupero del Carmenère piantato sui Colli Euganei già alla fine del 1800. Produzione limitata.

COLORE: Rosso rubino acceso.

PROFUMO: Fine, persistente, fruttato, gradevolmente vinoso e con sentori di more, mirtilli e spezie.

SAPORE: Particolarmente intenso, sapido, di piacevole beva.

 

ABBINAMENTI GASTRONOMICI

Tipico vino rosso della tradizione Veneta ben si adatta a tutto pasto anche fresco col pesce ed esalta le sue caratteristiche in gustosi secondi piatti di carne.

È un progetto di recupero delle vecchie vigne di carmenere dei Colli Euganei dell’azienda Corinaldi-Sgaravatti a Lispida.

UVE: Carmenère
VINIFICAZIONE: Macerazione delle uve per circa 10 giorni.
MATURAZIONE: Alcuni mesi di affinamento in botti di rovere
AFFINAMENTO: Minimo 2 mesi prima commercializzazione.
GRADAZIONE: 12.5 % vol
TEMPERATURA: 4,50 - 5 g/l
TERRENO: Argillosi e medio impasto con affioramenti trachitici ed ardesia
ESPOSIZIONE: Varie
ALTITUDINE: da 20 a 120 m
VIGNE: 4.700
Maggiori Informazioni
Cantina Conte Emo Capodilista La Montecchia
Paese Italia
Regione Veneto
Tipologia Vino Rosso
Denominazione Veneto IGT
Annata 2015
Uvaggio Percentuale 100% Carmenere
Uvaggio Carmenere
Volume 0,750 L
Gradazione 13% vol.
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Carmenere Progetto Recupero
Il tuo voto
“La proprietà è della mia famiglia sin dal medioevo. La collina della Montecchia su cui sorge Villa Emo Capodilista, uno dei gioielli architettonici del Veneto e dell’Italia, è di circa 30 ha. A Baone dal 2000 ho acquistato un’azienda agricola di circa 20 Ha. Sono molto attento, pur senza cercare nessuna certificazione ufficiale perché la trovo eccessivamente vincolante e per noi poco utile, ad utilizzare metodi ed impianti per i vigneti a basso impatto ambientale: convinzioni personali, oltre al fatto di essere in un Parco, mi portano verso un’agricoltura il più possibile naturale” Conte Giordano Emo Capodilista.